MATTEO COMINOTTI COMPLETA UNA REVISIONE

Audisci andando in parallelo con quello che sta facendo la mente del Prechiaro.

Sembra una regola logica ma ritengo rispettata pochissimo da parte degli Auditor di Miscavology.

Lì non esiste il Prechiaro, esiste il programma e il robotismo.

Sono invece molto, molto contento che quanto Matteo voleva risolvere sia stato risolto!

Ecco cosa scrive dopo aver finito una revisione molto importante:

SCIENTOLOGY CONTRO CLAUDIO LUGLI Episodio 6, UNA LETTERA INTIMIDATORIA!

Tag

,

SCIENTOLOGY NON SOLO MI HA RUBATO UN FIGLIO ATTRAVERSO IL LAVAGGIO DEL CERVELLO, MA ORA MI FA SCRIVERE DALL’AVVOCATO INTIMANDOMI DI NON DIRLO, COSì COME NON DEVO CHIAMARE SCIENTOLOGY UNA SETTA, QUESTo VIDEO E’ LA MIA RISPOSTA A LORO: CHE NON SAREBBE ALTRO CHE IL BOOMERANG LANCIATO DA LORO!

Non è la prima volta che l’ufficio Avv. Daria Pesce si presta a scrivere e fare azioni richieste dall’Ufficio degli Affari Speciali di Scientology, che riguardano me e mio marito Claudio, che non rispondono al vero. Anni fa un rappresentante dell’ufficio Daria Pesce si prestò ad accompagnare tre staff di Scientology OSA, alla redazione del Quotidiano “Libero” i quali dissero ai direttori De Manzoni e Belpietro, pur di non far pubblicare una nostra intervista dove denunciavamo notevoli abusi protratti dalla “Chiesa” di Scientology, che io e mio marito Claudio eravamo scappati da Scientology rubando la cassa della “Chiesa”. Ma l’intelligenza dei due direttori prevalse sulle loro infamanti bugie, tanto che l’articolo fu poi pubblicato. https://scientologyosa.files.wordpress.com/2015/02/articolo-intero-libero-copia.pdf

OSA, SERVIZI SEGRETI DI SCIENTOLOGY, TORNA A FARSI SENTIRE!

Tag

,

Schermata 2021-04-10 alle 13.22.36

Questa volta si sono fatti sentire attraverso l’ufficio dell’avvocato Daria Pesce, non appena gli staff di OSA, leggono sul FB del CeSAP, nella persona della Dottoressa Lorita Tinelli Psicologa, che ci sarebbe stata una discussione in diretta in cui avrei partecipato anche io, ed il tema era i bambini nelle sette.

Lo sgomento ed il terrore di OSA è stato tale che immediatamente ha contattato l’ufficio Pesce ed ha fatto scrivere una lettera intimidatoria, tipica dei metodi di OSA, ormai conosciutissimi sul web per i loro metodi loschi di cui riporto qui il link dove vengono elencati uno per uno e che devono essere applicati alla lettera, qualora ci fossero dei nuovi lettori del nostro blog che non l’avessero ancora letto: https://scientologyosa.wordpress.com.

Non faccio nessun commento sul video che vedrete perchè parla da sè.

Il mio intervento, preceduto dalla lettera in questione letta dalla Dottoressa Tinelli, comincia al minuto 10:45, buona visione! https://fb.watch/4NgYHR3R4K/

Renata Fruscella Lugli

KIRSTIE ALLEY: UN’AMICIZIA CALPESTATA! Parte due

Tag

,

Quindi quando io e Claudio abbiamo lasciato pubblicamente la “Chiesa”, immediatamente OSA Clearwater e OSA CC int hanno sparso tra le tante diffamazioni su di noi, anche quella che abbiamo rubato i soldi a Kirstie! Per OSA io e Claudio saremmo “ladri seriali” in quanto la stessa infamante bugia l’hanno detta ai direttori del quotidiano Libero con lo scopo di non far pubblicare un articolo in cui noi denunciavamo gli abusi subiti dalla “Chiesa” di scientology.

Si sono presentati nell’ufficio della redazione di Libero 3 staff di OSA più un rappresentante dell’ufficio dell’Avv. Daria Pesce, per dire che io e Claudio siamo scappati da scientology portando via la cassa della “Chiesa”! Ma i direttori, Belpietro e De Manzoni, persone intelligenti, non hanno creduto a loro, nè si sono fatti intimidire da Daria Pesce perchè hanno pubblicato l’articolo di ben due pagine!

Ma torno su K, visto che OSA mi ha ispirato a parlarne.

K, come abbiamo visto nella prima parte, volle rimanere in Italia con noi dopo che Karen Hollander e Tom Davis furono ripartiti per LA. L’affitto della villa che K aveva preso presso Firenze per 20 giorni era scaduto ma lei voleva fermarsi ancora e allora decise di venire a stare a casa nostra con tutto il suo staff perchè, avendo visitato la nostra casa il giorno prima, ha calcolato che potevano starci tutti e 7: K, la sua assistente, la personal trainer, i due bambini con le due baby sitter: Aiutooooooo!

Ma questo non è tutto, il giorno dopo voleva che l’accompagnassi in un negozio perchè aveva visto dei bei mobili che voleva comperare per il futuro CC di Firenze, una stupenda villa antica nella campagna toscana che era andata all’asta. Io l’accompagno ed in solo 20 minuti ha comperato 30.000 euro di mobili: letto, comò, comodini, divano, poltrone, un grande cassettone, specchi, lampade ed accessori vari.

Dopo aver pagato io ho chiesto a K dove avrebbe voluto inviare quei mobili nel frattempo che venisse libera Villa Tana, e lei mi disse con molta naturalezza “a casa tua”: Aiutooooooo!!!

Allinizio della mia casa ci sono 4 grandi saloni antichi, uno per l’ingresso, uno per il salotto, uno per ufficio ed il quarto adibito a sala da pranzo, e K voleva uno di questi 4.

Chiamo subito Claudio per consultarmi su quale dei 4 saloni potevamo fare a meno e portare i nostri mobili altrove per fare spazio a quelli di K. In pochi minuti abbiamo deciso di rinunciare all’ufficio ma dovevamo poi trovare una soluzione per dove mandare tutti i nostri mobili dell’ufficio in modo da fare completamente spazio ai mobili di K, e tutto questo in un solo giorno!

Abbiamo contattato allora dei nostri amici ed abbiamo trovato il modo per come smistarli un po’ qua un po’ là nei loro magazzini. Il giorno dopo abbiamo fatto i traslochi e i mobili di K sono stati puntualmente consegnati.

Ho provato un sollievo quando tutto era finito.

Io penso che K volesse una sua camera da letto a casa nostra, infatti quei mobili sono rimasti là per i successivi 10 anni in cui K andava e veniva da LA a Brescia.

Noi le abbiamo detto di licenziare la sua guardia del corpo che l’avremmo sostituita con un nostro amico che abitava vicino a noi, lui non era un professionista body guard, ma aveva le sembianze di un lottatore di sumo per cui andava bene ed era molto più simpatico di quello che aveva preso lei.

Trascorremmo così 10 felicissimi giorni fatti di grosse cene in ristoranti tipici della nostra città. La portammo in due bellissimi concerti, uno con Pavarotti e Friends a Modena con il rispettivo gala, ed uno all’arena di Verona ad ascoltare i nostri amici, il famoso trio: Paco De lucia, John Mc Laughlin e Al di Meola.

A fine giugno ripartì chiedendoci tassativamente di essere suoi ospiti nel Main nel mese di luglio, il tempo per lei di preparare il tutto e saremmo dovuti andare lì tutta la nostra famiglia. Prima di partire K ha voluto il sopra del pigiama di Flavio che le avrebbe fatto compagnia per tutto il viaggio e non avrebbe avuto così tanto il senso di perdita.

Dopo qualche giorno ricevemmo 100 rose in 5 colori ed una scatola gigante di cioccolatini provenienti da Las Vegas! Continua…

Renata Fruscella Lugli

Kirstie Claudio Tiziano sul Ponte Vecchio a Firenze

Kirstie qualche minuto prima dell’event di Dianetics a MIlano nel 1996

Flavio K Tiziano e True sottocasa a Brescia

Tutti prima del concerto all’Arena di Verona

Flavio e K dancing

K & Body Guard

Flavio & K

Villa Tana a Firenze

Flavio K e un piccolo uccellino

Villa Tana

SEMPRE PIU’ ATTENZIONE SUI PARADISI FISCALI DI SCIENTOLOGY

Sempre più attenzione a livello internazionale viene data a Scientology circa l’accumulo continuo del suo patrimonio “esente da tasse”.

Adesso è la volta dell’ente australiano di controllo sulle organizzazioni esenti da tasse, il quale è stato chiamato a indagare su Scientology perchè ci sono troppe evidenze che stia abusando del suo status di no-profit.

Un’indagine di The Age e Sydney Morning Herald ha scoperto che la Chiesa di Scientology ha spostato decine di milioni di dollari in Australia dall’estero e sta realizzando significativi profitti esentasse. L’Australia quindi è diventata un paradiso fiscale internazionale per la religione nonostante il forte calo del numero di adepti.

La portavoce dell’ACNC ha detto: “Se un’organizzazione continua a trattenere profitti significativi a tempo indefinito, senza utilizzarli per il suo scopo di beneficenza, ciò vuol dire che l’organizzazione non sta lavorando esclusivamente per il suo scopo di beneficenza che ha dichiarato”.

I dati per l’Australia mostrano che le risorse di Scientology sono aumentate da 60,1 milioni di dollari nel 2013 a 172,4 milioni di dollari nel 2019.

I dati per il Regno Unito, trasmessi anche tramite l’ACNC, mostrano analogamente una ricchezza in aumento, con quasi 150 milioni di dollari di patrimonio, quasi triplicati dal 2013. In totale 326 milioni di dollari di patrimonio posseduto da Scientology sono ora in Australia esenti da tasse.

L’assistente ministro per gli enti di beneficenza, Andrew Leigh, ha detto che Scientology deve di spiegare e fornire “maggiore chiarezza” sulla sua struttura e le sue finanze.Questo ed altro a questo link:

https://www.smh.com.au/national/push-for-investigation-into-scientology-s-charity-status-20210401-p57fsj.html?fbclid=IwAR3EKxnVjDGixFa6UFRmJn2Sc2594z3X_EAVvoIa-fTrrUIMe6cM0ipQu90

[Modifica]

TONY ORTEGA ELENCA LE 25 PERSONE CHE PIU’ SOSTENGONO SCIENTOLOGY

leccacuolo

Abbiamo pubblicato sul nostro Blog SCIENTOLOGY SERVIZI SEGRETI l’elenco delle persone che Tony Ortega elenca come coloro che sono i più ferventi ed assidui sostenitori di Scientology e David Miscavige.

Vi invitiamo a dare un’occhiata a questo LINK.

L’ESENZIONE FISCALE DI SCIENTOLOGY DEVE ESSERE RIVALUTATA

irs_logo_0

Scientology nel 1993 ottiene l’esenzione fiscale.

A 28 anni di distanza Taylor C. Holley, scrive per la rivista Law Review un articolo che riguarda la “legittimità” di quella esenzione fiscale. 

Taylor Holley, è un candidato al Dottorato in Giurisprudenza presso la Texas Tech University Law School. 

Chi ha frequentato scientology o ha seguito le rivelazioni fatte dai fuoriusciti sa che Scientology ha ottenuto quell’esenzione tramite oscure e continue manovre nei confronti dell’IRS (IRS, è l’agenzia governativa deputata alla riscossione dei tributi all’interno del sistema tributario degli Stati Uniti d’America.) ed i suoi dirigenti. I dettagli sono disponibili in questo LINK.

Comunque sia grazie ad un negoziato portato avanti dal 1991 sino al 1993 David Miscavige e la sua nutrita schiera di avvocati e consulenti sono riusciti ad ottenere un accordo con l’IRS. 

L’accordo ed i dettagli sono stati al tempo secretati, ma una copia dell’accordo è emersa nel 1997, il suo contenuto ha acceso una forte controversia perché ha messo in luce un’eccessivo parere favorevole verso scientology da parte dell’IRS al punto che alcuni tribunali federali hanno descritto l’accordo come incostituzionale visto che attribuiva a scientology privilegi che non sono stati mai concessi ad altri movimenti religiosi.

Inoltre dubbi sono emersi relativi alla legittimità dell’azione dell’IRS che ha utilizzato la sua autorità scavalcando la Corte Suprema nello stabilire i termini dell’accordo che ha permesso esenzioni fiscali che non sono autorizzate dalla legge. 

Compreso questo riteniamo quindi che il lavoro di Taylor sia di estremo interesse.

RIASSUNTO

La Chiesa di Scientology è una delle religioni più discusse dell’era moderna, e le sue credenze e pratiche sono state avvolte da controversie sin dalla sua comparsa negli anni ’50. Poco dopo, l’Internal Revenue Service riconobbe Scientology come religione valida, garantendo così alcune protezioni governative e benefici concessi alle organizzazioni religiose in questo paese, inclusa l’esenzione fiscale. Dopo una battaglia decennale tra la Chiesa e l’IRS, l’IRS alla fine ha concesso un’esenzione fiscale globale a tutte le organizzazioni di Scientology ai sensi della Sezione 501 (c) (3) dell’Internal Revenue Code.

Tuttavia, le pratiche e le attività correnti della Chiesa sollevano preoccupazioni significative che giustificano un riesame della sua idoneità all’esenzione fiscale. La Chiesa si impegna in attività che sono sostanzialmente commerciali richiedendo il pagamento agli Scientologist per praticare la religione e migliorare la loro posizione spirituale. Inoltre, la Chiesa viola le leggi pubbliche nazionali fondamentali secondo cui la libertà di parola non dovrebbe essere soppressa semplicemente perché due parti sono in disaccordo – un fondamento della nostra nazione che viene completamente surclassato dalla regola del “Fair Game” di Scientology (ndt tormentare coloro che osano criticare Scientology). Inoltre, la Chiesa facilita l’arricchimento personale di alti dirigenti e di celebrità influenti spendendo fondi eccessivi per il loro beneficio personale.

Per queste ragioni, l’IRS dovrebbe rivalutare lo status di esenzione fiscale di ogni singola organizzazione di Scientology, oppure rischiare che vengano minate decisioni giuridiche e creando così un pericoloso precedente che causerà che attacchi persistenti nei confronti di agenzie governative porteranno alla stessa sottomissione e ad essere clementi. Se l’IRS indagasse e stabilisse che tutte le organizzazioni di Scientology rispettano i requisiti della Sezione 501 (c) (3), allora il mantenimento della loro esenzione fiscale sarebbe completamente giustificato; tuttavia, consentire a tali attività di continuare senza una verifica vanificherebbe senza dubbio i principi che stanno alla base dell’esenzione fiscale e solleverebbe legittime preoccupazioni in merito all’equità delle decisioni dell’IRS. 

I. INTRODUZIONE

La Chiesa di Scientology è una delle religioni più discusse dell’era moderna, e le sue credenze e pratiche sono state avvolte da controversie sin dalla sua nascita nel 1950. Da allora Scientology si è espansa a livello globale, con Chiese nei principali centri più popolati del mondo. La Chiesa ha credenze e dottrine non tradizionali, che hanno dato luogo a critiche da parte di comunità sia scientifiche che religiose. Oltre agli insegnamenti religiosi atipici, la Chiesa ha anche raccolto un’attenzione significativa a causa degli sforzi incessanti per silenziare chiunque ne parli in modo negativo. Comunque, la controversia più discussa che ha a che vedere con questa religione è la sua esenzione fiscale. L’ Internal Revenue Service ha concesso alla Chiesa l’esenzione fiscale come sancito dalla Sezione 501(c)(3) del Codice dell’Internal Revenue basato sulla supposizione che sia organizzata e che operi per scopi religiosi. Nel tempo, la Chiesa ha sviluppato una storia lunga e complessa con l’IRS, che si accentrava esclusivamente sull’ottenere l’approvazione dell’esenzione fiscale.

Questo articolo si concentrerà sulla storia relativa allo status di Scientology in relazione al 501(c)(3), a quello che sono i requisiti legali e giuridici per mantenere l’esenzione fiscale, e cosa giustifichi il riesame dello status corrente della Chiesa come organizzazione religiosa avente diritto all’esenzione fiscale. Anche se molti studiosi hanno già ampiamente trattato l’esenzione fiscale di Scientology, questo articolo è il primo che fornisce le motivazioni che giustificano un’investigazione nelle attività della Chiesa per determinare se la Chiesa stia rispettando i requisiti così come elencati nella Sezione 501(c)(3) e le leggi relative. 

La seconda parte fornirà un background generale relativo alla materia in oggetto. E quella sezione fornirà in dettaglio i requisiti statutari e legali per poter ottenere e per mantenere l’esenzione in ottemperanza alla Sezione 501(c)(3), e brevemente discute la storia dell’evoluzione dello status di Scientology in relazione alla sua esenzione fiscale, come pure le interazioni anomale che ha avuto con l’IRS.

La terza parte analizzerà il Ponte di Scientology verso la Libertà Totale e fornirà lumi in relazione all’innata natura commerciale della religione. La quarta parte si indirizzerà alla paura e alle tattiche di repressione che vengono perpetrate a causa della direttiva della Chiesa del Bersaglio Libero (Fair Game), ed al risultante detrimento della pubblica norma nazionale che proibisce la repressione della libertà di parola. La quinta parte prenderà in esame l’arricchimento personale ed illustrerà come la Chiesa faciliti l’incanalamento dei propri fondi verso i suoi massimi dirigenti e verso influenti celebrità di Scientology. Tutte queste sezioni si indirizzeranno agli specifici requisiti che una organizzazione religiosa deve avere ed ottemperare per poter mantenere la sua idoneità ad essere esente fiscalmente, e forniranno anche esempi su come la Chiesa stia violando questi requisiti.

***%***

Sembra quindi questo articolo sia un terreno molto scivoloso per Scientology. Quella di Taylor è un’analisi molto tecnica ma competente e porta a capire meglio quanto questa “esenzione fiscale” stia permettendo a scientology di utilizzare lo scudo del Primo Emendamento della Costituzione Americana per proteggersi dalle conseguenze legali civili e penali che senza quello scudo la porterebbero alla rovina.

Sarebbe veramente utile richiedere alle competenti agenzie governative di esaminarne il contenuto ed intervenire, altrimenti così come ha fatto nel ’93 l’IRS sarebbero in un futuro destinate a soccombere ai ricatti e ad assumere un atteggiamento di sudditanza nei confronti di Scientology. 

In Europa, tranne che per la Spagna che la riconosce nel 2007, Scientology non ha alcun riconoscimento religioso. Vi assicuro comunque che il lavoro di OSA è incessante per cercare di ottenerlo in ogni stato dell’unione. 

A Bruxelles Scientology ha aperto, spendendo svariati milioni di dollari, una sede lussuosa ed appariscente, che ha come scopo principale quello, ed è : l’European Office of the Church of Scientology for Public Affairs & Human Rights. 

Ma è soltanto l’ennesima organizzazione di facciata che pretende di promuovere i DIRITTI UMANI. Hanno ovviamente un sito web: https://europeanaffairs.eu e sono seguiti da milioni di fedeli …. il sarcasmo qui è d’obbligo. Il loro riferimento Google quando fate la ricerca online indica ben 1 (una in lettere perché non vi siano equivoci) recensione! 

Penso non serva altro. Eccolo come riferimento: 

Per chi fosse interessato ad una approfondita lettura dell’articolo di Taylor, potete trovarlo e scaricarlo presso questo LINK:

REEXAMINING THE CHURCH’S 501(c)(3) TAX EXEMPTION ELIGIBILITY Taylor C. Holley

SCIENTOLOGY – OSTRACISMO

schermata-2021-03-26-alle-18.11.32

  • OSTRACISMO
  • 1. Bando che colpiva, nell’antica Atene e nelle città che ne imitavano la costituzione, il cittadino ritenuto pericoloso per la sicurezza dello stato; detto così dal frammento di terracotta ( óstrakon ) sul quale il nome del concittadino inviso veniva scritto da coloro che votavano nell’assemblea popolare.
  • 2. FIG.Severa condanna da parte dell’opinione pubblica; messa al bando da una comunità o da un ambiente.

Attraverso la DICHIARAZIONE DI PERSONA SOPPRESSIVAScientology pratica in essenza l’ostracismo, e quindi l’ex scientologo viene “messo al bando”. 

A quel punto a nessuno scientologo che rimane all’interno dell’organizzazione viene concesso rimanere in comunicazione con la persona che ha ricevuto questa “sentenza”. Non ha importanza il grado di parentela o amicizia – la persona viene “disconnessa”, e quindi figli non parlano più con i loro genitori, oppure genitori non parlano più con loro figli, fratelli, sorelle, amici, colleghi di lavoro, nessuna distinzione. 

Questo causa enorme dolore alle persone che sono state ostracizzate e può causare gravissimi danni economici visto che lo scientologo ostracizzato spesso operava all’intero di una rete composta esclusivamente da scientologist. 

E’ una pratica CRUDELE, Vendicativa, disumana, forse adatta alla Grecia antica.

Ma scientology, purtroppo, non è la sola “religione”, e metto tra virgolette il termine, che pratica l’ostracismo.

L’ostracismo viene utilizzato anche dai Testimoni di Geova. Navigando in rete ho trovato una causa intentata proprio da un ex Testimone di Geova verso la congregazione. 

Malgrado l’ex adepto dei Testimoni di Geova abbia perso la causa sia in Primo Grado che in Appello ed anche in Cassazione ritengo che ci siano alcune parti della sentenza della Cassazione che siano degne di nota.

FATTI DI CAUSA

1. II sig. __________ conveniva in giudizio davanti al Tribunale di Bari contro La Congregazione_________ e, premesso che, dopo essere stato battezzato all’età di 15 anni, frequentando assiduamente detta organizzazione religiosa, aveva poi comunicato per iscritto, nel luglio del 2005, la propria volontà di dimettersi, pur precisando che la propria fede era rimasta immutata.

Quindi l’ex adepto non ha perso la fede ma si è voluto dimettere dalla congregazione. Questo accade spesso anche per scientology, ovvero a volte chi esce da scientology non abbandona scientology in toto ma continua ad utilizzare i principi o le procedure che ritiene essere corretti, quindi semplicemente lascia l’organizzazione, la quale però non gradisce la cosa ritendosi l’unica tenutaria di quei principi e volendo un totale controllo su ogni adepto. 

1.1. Richiamate le modalità con le quali si perde la qualifica di associato alla suddetta Congregazione (dimissioni, decadenza, espulsione), veniva precisato che le ultime due comportano – come dimostrato dalla citazione di una serie di pubblicazioni diffuse nell’ambito della congregazione dei Testimoni di Geova –  la cessazione di ogni rapporto, compreso il mero saluto, da parte degli altri associati, e che l’attuazione di tali condotte normalmente è conseguente all’annuncio formale, dato nell’assemblea, che il soggetto interessato “non e più Testimone di Geova”

1.2. In conseguenza di tale annuncio si erano verificate una serie di conseguenze dannose, poiché l’attore sarebbe stato sottoposto a una sorta di ostracismo (maggiormente afflittivo in quanto la quasi totalità delle pregresse frequentazioni era costituita da associati alla Congregazione): egli pertanto chiedeva che, (omissis) le parti convenute fossero condannate al risarcimento dei danni arrecati alla sua persona.

Quindi se tu decidi di uscire dalla congregazione, le pubblicazioni dei TdG, così come in scientology, impongono la cessazione di ogni rapporto, compreso il mero saluto, da parte degli altri associati.

Se ti incontrano per la strada, non ti salutano! Ovviamente come spiegato in precedenza le conseguenze sono moralmente ma anche economicamente dannose, e come precisato: maggiormente afflittivo in quanto la quasi totalità delle pregresse frequentazioni era costituita da associati alla Congregazione e quindi l’ex membro dei TdG ha richiesto un congruo risarcimento del danno subito. Purtroppo come già ribadito non lo otterrà…..

1.3. Con sentenza depositata il 6 dicembre 2016 il Tribunale di Bari rigettava le domande del (ex TdG).

1.4. Si osservava, quindi, che dovevano distinguersi gli aspetti di natura statutaria della Congregazione da quelli più strettamente legati alla confessione dei TdG, e quindi, considerati i fatti dedotti dal (ex adepto) , si escludeva che gli stessi acquistassero rilevanza sotto il profilo penale in quanto atti di discriminazione per ragioni religiose, e che le condotte degli associati – sostanzialmente concretantesi in un rifiuto di avere con lui rapporti amicali o di altro tipo – erano irrilevanti (omissis)
Infatti tali condotte non interferirebbero su diritti della personalità, ma semplicemente implicherebbero atteggiamenti, ancorché riprovevoli sul piano sociale, non sindacabili sotto il profilo della liceità, in quanto frutto di libere scelte, sebbene condizionate da una convinzione di tipo religiose.

E quindi sì, la condotta è riprovevole sul piano sociale ma legalmente non ritenuta lesiva. E non sono sindacabili sotto il profilo della liceità, in quanto frutto di libere scelte, sebbene condizionate da una convinzione di tipo religiose.

Questo ritengo sia un’osservazione comunque importante. Cioè questo comportamento è sì riprovevole sul piano sociale, nel senso che una società che adotta questo tipo di comportamento dovrebbe essere corretta, è riprovevole, è diremmo offensiva sul piano morale. Ma non esiste legge che vieti questo tipo di comportamenti che sembrano essere frutto di libere scelte. Ma sottolineo: condizionate da una convinzione di tipo religioso. Sono quindi LIBERE ma CONDIZIONATE, sembra un paradosso ma quando si naviga all’interno di questi mari i paradossi sono all’ordine del giorno.

Tengo inoltre a sottolineare un fatto relativo a scientology. Quando in scientology si viene dichiarati persone soppressive e quindi OSTRACIZZATE è prassi per scientology mettere per iscritto una tale dichiarazione ed inoltre distribuire ad ogni organizzazione affiliata con scientology copia di questa dichiarazione. (Potete leggere i contenuti della nostra dichiarazione a questo LINK). Spesso queste dichiarazioni, come nel nostro caso, contengono affermazioni infamanti e menzognere. Scientology si guarda bene dal far avere tale dichiarazione agli interessati temendo ritorsioni sotto forma di querele e quant’altro e quindi abbiamo saputo che, nel nostro caso, fissavano appuntamenti con le persone che in precedenza erano state in contatto con noi e le informavano dell’espulsione e facevano leggere loro i contenuti della dichiarazione MA non ne davano copia. La copia prodotta al link di cui sopra è pervenuta per grazia ricevuta….. (ovvero uno scientologo all’interno che faceva solo finta di aderire ancora all’organizzazione)

Di seguito il contenuto completo della sentenza per chi fosse interessato:

Ostracismo Cassazione

Renata Fruscella Lugli

PSICO-SETTE

Questo è uno spezzone del nostro intervento andato in onda due giorni di seguito sul programma “Mattino 5” condotto da Federica Panicucci.

Claudio ed io siamo stati chiamati da Mediaset dopo una loro ricerca sul web, arrivando così a noi dato le innumerevoli esposizioni sulla rete dove illustriamo attraverso diversi blog la nostra incresciosa, dolorosa situazione con nostro figlio Flavio il quale, dopo aver ricevuto insistenti e continui manipolazioni mentali, è stato costretto a disconnettere da noi genitori e da suo fratello Tiziano distruggendo così la nostra famiglia.

Noi con molto piacere abbiamo accettato perchè vogliamo continuare a far conoscere gli abusi, purtroppo impuniti dalla legge, che la “Chiesa” di Scientology continua imperterrita a commettere.

Renata Fruscella Lugli