Ho letto e ritenuto molto interessanti i recenti articoli dell’Indipendologo su The Master e Come Lavora Ron.

Ho visto The Master e la cosa che mi è piaciuta del film è stato assaporare quegli anni di ricerca, e vedere un Ron, interpretato magistralmente da Philip Seymour Hoffman, nella sua veste di ricercatore.

Di sicuro la sceneggiatura, i dialoghi ecc. probabilmente si discostavano dalla realtà, ma non di molto.

Chi ha scritto la sceneggiatura deve aver fatto dell’ottima ricerca sul periodo – Quando ad esempio Ron scrive il secondo libro e cambia le tecniche in “mock up” e riceve la critica di un suo auditor, quello senza dubbio denota ricerca.

Come sia poi stato caratterizzato è altro discorso. Ma io parlo del “sapore” del periodo. Quello secondo me è stato ben espresso nel film. E la conferma viene poi nell’articolo successivo in cui Mary Sue parla di come Ron lavorasse.

Lei parla del crollo di Wichita, menzionato anche in KSW1, e racconta:

Ed è la mia sensazione che anche solamente questo in tempi in cui la stampa ci disprezza, in momenti di difficoltà finanziarie, quando viene tradito dagli amici – nei momenti in cui tutto quello che ha costruito sembra che cada a pezzi, lo fa andare avanti, e lo fa persistere nel suo scopo di aiutare l’UOMO.

E così non nasconde problemi esistenziali, le difficoltà finanziarie, o i tradimenti e così via ma ne parla apertamente – non cerca di fare dell’inutile PR. L’accento viene messo sulle intenzioni e sullo scopo di Ron: “Aiutare l’Uomo”.

Questa è la cosa che fa la grande differenza. Le peculiarità e i singoli episodi di vita possono essere visti e messi sotto diversi riflettori.

L’intenzione fondamentale è comunque quello che rimane.

E’ anche bello vedere che agli inizi Ron teneva le sue conferenze ad un numero molto esiguo di persone. Ad esempio nel primo numero di Ability scritto a Phoenix si parla dell’ACC che veniva tenuto all’806 North Street da Ron e si parla di 15 studenti accolti con entusiasmo nella nuova “casa” di Phoenix.

Schermata 2013-01-09 alle 11.54.56

E nella stessa “rivista” viene scritto:

“Gli studenti dell’Advance Clinical Course ora lavoreranno con Ron sui progetti di ricerca, e su vari progetti operativi nell’area, e prenderanno parte attiva nella conduzione dell’organizzazione di Dianetics e Scientology”

Questo ci fornisce la visione di quel passato – fuori dagli stereotipi che la chiesa vorrebbe che ingoiassimo – ci fa vedere una attività nata dalla base, una attività faccia di ricerca e di lavoro da parte degli auditor.

Viene poi scritto:

Qualche giorno fa chiunque in Arizona fosse stato interessato in Dianetics o Scientology ha ricevuto una cartolina di invito per ricevere 5 ore di processing gratuito. Sono stati messi annunci nei quotidiani locali invitando chi soffre di artrite, polio e altre persone con malattie psicosomatiche a partecipare ad un programma di ricerca. E da qui arrivano le persone su cui lavorerà l’unità degli studenti dell’Advance Clinical Course. Il grosso delle persone che arriveranno saranno persone nuove che presenteranno sempre dei nuovi problemi. Gli studenti dell’Advance Clinical Course terranno le loro sedute al mattino e alla sera, mentre il pomeriggio alle 5 ogni giorno nell’ufficio di Ron verrà tenuta una conferenza agli Staff Auditor nella quale Ron personalmente parlerà nel dettaglio dei risultati che ogni auditor ha ottenuto o che non ha ottenuto, e verrà fatto l’allenamento necessario in modo che possa ottenere risultati migliori la volta successiva.

Devono essere stati momenti veramente intensi! Ma non solamente questo:

Ogni pomeriggio alle 3 in punto gli studenti dell’ACC avranno il beneficio di osservare personalmente ad una dimostrazione di LRH fatta su un nuovo preclear, una persona totalmente estranea a Dianetics e Scientology

Viene anche espresso il fatto che a volte ci sia della confusione a causa della vastità dei progetti in cui è coinvolta l’Unità dell’ACC, e Ron come risposta:

Se pensate per un solo momento che la consegna della sanità ad una società fortemente aberrata non sia una operazione che confonde, allora significa che non avete un punto di valutazione corretto su ciò che avviene nelle organizzazioni di Dianetics e Scientology. Dobbiamo imparare a vivere con la confusione. Dobbiamo imparare a mettere ordine nella confusione perchè stiamo avendo a che fare con delle persone confuse. Tutte le volte che utilizzi l’uomo per risolvere problemi dell’uomo, aspettarsi che si materializzi in una operazione ordinata è pura idiozia.

Penso che questo sia riuscito a fornirvi quel “sapore” di cui ho parlato in precedenza. E per finire aggiungo la fine della rivista che non c’è dubbio contribuirà a fornire altro “sapore”:

Schermata 2013-01-09 alle 12.26.58

Annunci