1511967.main_image

Il 13 Marzo 1911 e’ la data in cui Ron nacque a Tilden nel Nebraska.

E …. 107 anni dopo il suo “successore” David Miscavige lancia la televisione di Scientology. Questa sera alle 8 (USA) verra’ trasmesso il primo programma sul canale 320 di Direct TV, una piattaforma simile a Sky per intenderci. La televisione sara’ anche disponibile utilizzando una app dedicata.

1520637653030

Caso strano …. alla stessa ora sulla stessa piattaforma verra’ trasmesso il documentario di “Vanity Fair Confidential” : “LA REGINA DI SCIENTOLOGY” che trattera’ la scomparsa della moglie di David Miscavige, Shelly.

1520632660250

 

Ma torniamo al compleanno di Ron, molto ci e’ stato “propinato” dalla “chiesa” ufficiale nel tentativo di renderlo …. santo subito…., specialmente agli event farsa del “compleanno” che Miscavige ci ha proprinato per anni e che imperterrito continua a propinare ai suoi seguaci.

Negli anni pero’, all’insaputa di noi che vivevamo all’interno della “bolla”, sono state pubblicate su vari libri e documentari le verita’ relative alla sua vita corroborate da documenti certi e innopugnabili cosi’ come da diverse testimonianze.

E queste biografie “non autorizzate” hanno  evidenziato una vita non certo “tranquilla”, spesso turbolenta. A volte rilassata come il periodo passato nel maniero di Saint Hill, poi avventurosa come il periodo di formazione della Sea Org e la sua flotta,  spesso stressata grazie agli attacchi continui da parte di governi, FBI ecc. e scelta di viverla da fuggitivo come ad esempio nel Queens a New York a meta’ anni 70 e anche nell’ultimo periodo a Creston dove nel 1986 mori’.

Il nostro punto di vista e’ che LRH sia stato comunque una persona eccezionale, certo non  perfetto o “santo”, con i suoi lati oscuri, ma al contempo geniale e pieno di vita e dedicato al raggiungimento dei suoi sogni.

Ha cercato in ogni modo di realizzare quei sogni e ha ricercato soluzioni, sino a che ha potuto, per trovare una via d’uscita da questo “inferno”, ma la cosa piu’ importante e’ che ha cercato di fornirci la mappa di questa via.

La sua eredita’ e’ forse imperfetta,  incompleta e  non ancora corroborata da illustri scienziati, comunque sia ci ha lasciato questa sorta di mappa ed anche  una serie di “strumenti” e  nozioni che rendono questo cammino molto meno incerto di quanto sia mai stato in passato.

E per chi come noi e’ molto, molto tempo che “ricerca” quanto LRH e’ riuscito a  sviluppare in un periodo cosi’ breve ha dell’incredibile.

Lo ha potuto fare appoggiandosi sulle spalle di quei GIGANTI che lo hanno preceduto, giganti che LRH stesso ringraziava (prima che Miscavige eliminasse il riferimento)  all’inizio di Scienza della Soppravvivenza:

scienza-della-sopra_pagina_31

E senza questi giganti, e i 50.000 anni di pensiero dell’uomo, la creazione e lo sviluppo di Dianetics non sarebbe stato possibile.

Will Durant, uno di questi giganti che ha reso accessibile storia e filosofia anche per la gente comune, nella prefazione del suo libro La Storia della Filosofia scriveva:

Troppo della nostra vita non ha alcun significato, un vacillare futile che si auto annulla; lottiamo contro caos che è attorno e dentro di noi ; ma in tutto quel tempo crediamo che ci sia qualcosa di vitale e che ha un significato in noi, se riuscissimo a decifrare la nostra anima.

Noi vogliamo comprendere. 

….

Vogliamo sapere che le piccole cose sono piccole, e quelle grandi, grandi, prima che sia troppo tardi; vogliamo vedere le cose ora come lo saranno per sempre sotto la luce dell’eternità.  Vogliamo imparare a ridere di fronte all’inevitabile, a sorridere persino quando la morte incomberà su di noi.

….

La verità non ci renderà ricchi, ma ci renderà liberi.

Qualche lettore poco gentile cercherà di fermarci dicendo che la filosofia non serve a nulla, come una partita a scacchi, che è oscura come l’ignoranza, ed i suoi contenuti sono stagnanti.

….

La filosofia sembra essere lì, ferma perplessa; ma solamente perchè lascia i frutti della vittoria alle sue figlie: le scienze, mentre lei continua ad andare avanti, divinamente scontenta, verso l’incerto e l’inesplorato.

Dedichiamo questo passaggio a Ron perche’ lo rappresenta degnamente.

Lui ci ha lasciato un percorso affascinante da seguire per addentrarci verso l’incerto e l’inesplorato.

Grazie Ron, Buon Compleanno!

Claudio & Renata