Schermata 2022-03-19 alle 14.10.12

Questo è il 6° episodio della serie “LEAH REMINI – LA MIA FUGA DA SCIENTOLOGY”, ideato e girato dall’attrice statunitense Leah Remini ed andato in onda in Italia dul canale Crime + Investigation.

In questa puntata vediamo cose che il leader di Scientology David Miscavige mai avrebbe pensato nella sua onnipotenza da bullo narcisista che sarebbero venuti a conoscenza del vasto pubblico; ma purtroppo per lui ma per il bene dell’umanità, il web è pieno di evidenze e testimonianze dei suoi terribili inauditi abusi fisici e psichici, visto il coraggio di persone che sono finalmente riusciti a lasciare la pericolosa setta di Scientology e che ora dedicano gran parte della loro vita a testimoniare gli abusi per fare in modo che altre persone ne stiano alla larga.

Chiamo coraggiose queste persone perchè sanno che così facendo, si esporranno alle feroci vendette che solo questa setta è capace di architettare, ma questo però non riesce a fermare il loro onore e la loro integrità!

In questo video assistiamo a come Scientology diventa una macchina di menzogne per mano del suo leader David Miscavige, allo scopo di influenzare ed impressionare positivamente il proprio pubblico ed il proprio staff in modo che possano continuare a “donare” soldi e sgobbare senza tregua perchè “ne è valsa la pena visto l’espansione verso un mondo migliore”.

Vediamo anche lo stalking verso i critici ma molto impressionante sono le testimonianze di aborti forzati che stringono davvero il cuore a sentirle.

E’ bene che l’avvocato di Scientology, Daria Pesce, venga a conoscenza oltre che degli efferati abusi fisici e psichici, anche delle enormi fabbriche di menzogne che David Miscavige è capace di iniettare senza nessun ritegno per scopi esclusivamente personali servendosi dei suoi più alti collaboratori che, una volta usciti dall’organizzazione, rivelano come David Miscavige imbroglia il suo pubblico ed il suo staff come vediamo in questo bel filmato.

https://rutube.ru/video/cc3ce8c306ae18e668cc032132c41207/

Renata Fruscella Lugli