Probabilmente un testo molto importante che necessita di essere ben compreso e digerito ma che potrebbe fornire un nuovo slancio e una nuova visione della nostra vita.

Tratto da una conferenza di L. Ron Hubbard il 12 Dicembre 1952 a Filadelfia

Ora, il sistema delle caste in un gioco consiste in questo:

Il Creatore dei Giochi, non ha regole, non segue nessuna regola.

Il Giocatori dei Giochi, conoscono le regole e le obbediscono.

E gli Assistenti Giocatori obbediscono semplicemente ai giocatori.

E i Pezzi obbediscono alle regole dettate dai giocatori, ma non conoscono le regole.

E poi, chi lo sa.

Ci sono pezzi rotti, e non sono nemmeno nel gioco, ma sono comunque nel gioco.

E sono in un terribile forse: “Sono o non sono nel gioco?”

Ora, Come creare un Pezzo. Ecco come creare un Pezzo:

Primo, nega che ci sia un gioco.

Secondo, nascondi loro le regole.

Tre, dai loro tutte le penalità e nessuna vittoria.

Quattro, rimuovi tutti gli scopi – tutti gli scopi. “

Imponi a loro di giocare.

Inibisci il loro divertimento.

Fai che assomiglino ai giocatori ma proibisci loro di essere giocatori” – assomigliano ad un Dio ma… “Non puoi essere un Dio!”

“Per far sì che un pezzo continui ad essere un pezzo, permettetegli di associarsi solo con i pezzi e nega l’esistenza dei giocatori”.

Non lasciare mai che i pezzi scoprano che ci sono giocatori.

Ora da tutto questo otterrai dei giochi.

Ora c’è un Procedimento che ha a che fare con la creazione di giochi, e tutto ciò che è questo procedimento, è che tu ti indirizzi a tutti quei fattori che ti ho appena dato, percorri e cambia i postulati e usa qualsiasi procedimento creativo che ti viene in mente e modifica i postulati, e avrai un procedimento completo.

Ma ricordate che in cima a tutto questo c’è un grande postulato:

“Ci deve essere un gioco”.

Quindi, se volete riappropriarvi dello Spirito del Gioco, allora dovete smontare i postulati che avete fatto dalla notte dei tempo, dicendo:

“Non ci deve essere un gioco.

Non deve esserci un gioco.

Non può essere un gioco.

Non giocare con me.

Non si deve giocare con me.

La vita è seria.

Questo non è un gioco.

Stiamo giocando in modo serio.

Non ne uscirò mai”, e così via.

In altre parole, i postulati che avete fatto per convincervi che queste sono le regole e che sono le uniche regole con cui si può giocare, e queste sono quelle che vi ho appena elencato.


ENGLISH

„Now the caste system of game consist of this:

The Maker of Games, he has no rules, he runs by no rules.

The player of the games, rules known but he obeys them.

And the assistant players merely obey the players.

And the pieces obey rules as dictated by players, but they don’t know the rules.“

And then, what do you know.

There’s broken pieces, and they aren’t even in the game, but they’re still in the game.

And they’re in a terrible maybe: „Am I in the game or am I not in the game?“

Now, „How to make a piece. This is how to make a piece:

First, deny there is a game.

Second, hide the rules from them.

Three, give them all penalties and no wins.

Four, remove all goals“ – all goals. „

Enforce them… their playing.

Inhibit their enjoying.

Make them look like but forbid their being like players“ – look like God but uh… you can’t be God.

„To make a piece continue to be a piece, permit it to associate only with pieces and deny the existence of players.“

Never let the pieces find out that there are players.

Now out of these you’re going to get games.

Now here’s a process that has to do with the making of games, and all this process adds up to, is you just address to those factors which I just gave you, oh, run and change postulates and any creative process that you can think of and shift postulates around, you get a whole process.

But remember, that up at the top of it there is a big postulate,

„There must be a game.“

Therefore if you want to regain the Spirit of Play, people have got to unmake postulates they’ve made all along, saying,

„There mustn’t be a game. There mustn’t be a game. It can’t be a game. Don’t play with me. I mustn’t be played with. Life is serious. This isn’t a game. We’re playing for keeps. I’ll never get out of this,“ and so forth.

In other words, the postulates which they’ve made to convince themselves that these are the rules and the only rules that can be played, and these that I’ve just read off to you.

Pubblicità