All’interno della Chiesa di Miscavige le persone che riuscivano a progredire sul “Ponte” venivano, una volta giunti alla fine del percorso, controllati e soggiogati utilizzando l’arma delle Verifiche di Sicurezza.

Senza NESSUNA GIUSTIFICAZIONE TECNICA e nessun riferimento di LRH i Pre-OT su SOLO NOTs (Nuovo OT VII) dovevano, e devono tutt’ora,  ogni sei mesi recarsi alla Flag Land Base (unica organizzazione al mondo che consegna quel servizio) e ricevere Verifiche di Sicurezza che dovevano stabilire la loro affidabilità e livello etico e dopo aver passato innumerevoli forche caudine, dopo essersi incontrati e strisciato nell’Ufficio dell’MAA, ricevevano l’imprimatur per poter proseguire sul Livello.

Questo dopo aver trascorso, settimane, alcuni mesi e decine e decine di ore su queste INTERMINALI verifiche di sicurezza.

All’inizio del SHSBC, LRH spiega in modo chiaro a cosa serva il Security Check e nello specifico il JOBURG, verifica di sicurezza che era stata sviluppata durante la sua permanenza in Sud Africa.

In sintesi, la persona proseguendo sul Ponte otteneva enormi guadagni di caso e la sua consapevolezza aumentava, più diventava consapevole, più anche ciò che aveva commesso di negativo diventava più reale per lui e se non gli veniva concesso di “liberarsene” questo poteva creare una condizione di stallo nel caso.

E quindi questa era la logica per cui il JOBURG veniva abbondantemente utilizzato in quel periodo (inizio – metà 1961). In quel periodo il “clearing” veniva raggiunto utilizzando fondamentalmente tre ROUTINE chiamate Routine 1, 2 e 3. In ognuna di queste 3 Routine il Joburg veniva utilizzato per fare in modo che il pc si liberasse di quegli overt di cui era diventato consapevole. Bisogna comunque inserire a livello temporale questo tipo di utilizzo e capire che il PONTE così come lo conosciamo noi ora NON esisteva a quel tempo e che quindi non esistevano i Gradi così come oggi sono strutturati e che posizionano al Grado II il maneggiamento degli Overt.

Detto questo ritengo comunque INTERESSANTISSIMO capire l’atteggiamento di LRH nei confronti di queste verifiche e ritengo doveroso tradurvi alcuni passaggi contenuti nella conferenza da lui tenuta 1l 29 Giugno del 1961 intitolata TARGET (obbiettivo) SBAGLIATO.

Partiamo proprio dal “titolo” e vediamo cosa LRH intende quando parla di Target Sbagliato:

Comunque, ne ho già parlato in precedenza, e qualcuno può avermelo sentito dire, in relazione al target sbagliato.. il terget sbagliato. E l’ho detto sin dal 1947, veramente … e lo trovate nella Tesi Originale L’auditor più la mente analitica del pc contro la mente reattiva, vince! Il pc da solo contro la sua mente reattiva … noooooo. L’auditor contro la mente reattiva del pc …. nooooo. Serve l’auditor e la mente analitica del pc per battere la mente reattiva del pc. Non avete mai visto quelle… grosse locomotive a vapore o elettriche, o una cosa del genere che cerca di andare oltre una salita? Ci accingono altre locomotive, capite? Non possono superare la salita di Birmingham ad esempio e quindi aggiungono delle locomotive. Non avete mai visto farlo? O non ne avete mai sentito parlare? Bene, la stessa cosa vale per l’auditing. State agganciando una locomotiva in più. Ma perchè lo fate? Perchè? Perchè dovete aggiungere una locomotiva? Beh perchè la locomotiva di quel treno da sola non ce la fa. Una di queste cose terribilmente ovvia. La locomotiva che trascina quel treno non riesce a superare quella salita e quindi per superare la salita aggiungete una locomotiva e riuscite a superare la salita. Bene. Quindi sino a che il tuo target è la mente analitica del pc, non riuscirai mai a vincere. Se voi cercate di chiarire la mente analitica del pc ti serviranno 75 ore per fare un security check e 295 ore per fare un Assessment sugli Obbiettivi della SOP (Standard Operating Procedure). Avete l’idea? Ma dico, Scientology funzionerà malgrado quello! Ma se volete sapere qual’è il fattore che fa sì che le cose si trascinino, allora è proprio quello. Il Target Sbagliato.

Un punto fondamentale che se trascurato rende l’auditing una pena insostenibile e fa aumentare le ore di auditing a dismisura. Audire il pensiero analitico, razionale del pc e non quello che è “sconosciuto” al Pc e sul quale reagisce. Sembra scontato ma non lo era e non lo è tutt’ora.

E più avanti durante la conferenza LRH chiarisce anche che:

Ecco un’altra cosa estremamente importante. Questa idea sulla mente analitica. Noi la chiamiamo mente analitica ma è una denominazione impropria perchè la maggior parte delle persone pensa che ci sia una sorta di computer pensante, ma non c’è, è semplicemente il PC. Questo è un errore che abbiamo fatto all’inizio durante le ricerche in Dianetics. C’era qualcosa che pensava e che faceva un sacco di calcoli e così l’ho chiamata la mente analitica per differenziarla, perchè a quel tempo non sapevamo nulla sui thetans. Capite? Quindi stiamo parlando del Thetan. Ora ciò di cui lui direttamente, personalmente … ciò di cui un thetan è consapevole e le unità di attenzione che sono a lui disponibili … se l’auditor attacca quelle allora non verrà fatto nessun auditing! Il tuo TARGET è la mente REATTIVA. E’ auditor più pc contro la mente reattiva. Allora adesso sì che scavi nel profondo. 

Ed è questa la premessa grazie alla quale affronteremo la Parte II di questo articolo che ha a che fare con la verifica di sicurezza e come Ron dice che debba essere fatta.

Claudio

Annunci