Nel Marzo del 2011 io e mio marito Claudio ci recammo per tre giorni a Corpus Christi in Texas ospitati gentilmente da Marty Rathbun e di sua moglie Mosey a casa loro.

Marty Rathbun è stato l’artefice numero uno del RD DELLA VERITA’ che ha rappresentato nel giugno del 2009 uno tsunami nel mondo di Scientology generando subito dopo una reazione a catena inarrestabile a livello internazionale in quanto Marty, insieme ad altri dirigenti di alto rango, denunciava le feroci violenze che il leader della Chiesa di Scientology, David Miscavige, perpetrava regolarmente su di loro e che erano state sempre tenute nascoste fino a quel momento.

Ci recammo in Texas perchè volevamo sapere anche dalla viva voce di Marty quello che succedeva alla Base internazionale di Scientology e porre le nostre domande su un soggetto che ci aveva troppo colpito dopo 36 anni di totale e dedicata appartenenza a Scientology (di cui 8 anni di lavoro nella Sea Organization SO, branca elitaria di Scn), che non riuscivamo a metabolizzare.

Quello che volevamo capire era COSA avesse influenzato le organizzazioni di Scientology che avevano perso nell’ultimo ventennio la caratteristica umanitaria e spirituale venendo sostituita da una conduzione arrogante, autoritaria dove gli staff si comportavano come se avessero perso ogni parvenza di spiritualità che veniva sostituita con una stressante ed incessante raccolta fondi.

Premesso questo, vado al dunque senza prolungarmi sulla quantità di avvenimenti che Marty ci rivelò in quei tre giorni perchè non è questo il contesto del post, ma solamente quello che Marty ci raccontò circa il processo di Milano che durò più di 12 anni.

Non appena alla Base Internazionale di Scientology in California si seppe che le cose per l’Italia stavano andando molto ma molto male circa il processo, David Miscavige ordinò a Marty Rathbun di recarsi immediatamente in Italia.

Le cose si stavano aggravando terribilmente in quanto il Giudice Istruttore, dopo aver ordinato nel 1986 in tutta Italia, la perquisizione e sequestro di tutte le sedi operanti sul territorio nazionale dell’associazione di Scientology a cura della Guardia di Finanza e dei Carabinieri del Nucleo Anti sofisticazioni, e dopo lo studio della enorme mole di documenti sequestrati, il Giudice istruttore nel 1988 ordinava il rinvio a giudizio di 74 imputati per ben 45 capi di imputazione per vari reati.

Questi erano: truffa, violenza privata, estorsione, circonvenzione d’incapaci, abbandono di minori, maltrattamenti, associazione a delinquere, esercizio abusivo della professione medica, violazioni delle leggi sul lavoro, violazione valutaria.

Quindi la situazione andava subito aggredita prima che sfuggisse completamente di mano per cui Marty venne in Italia con l’ordine di creare un team di difesa utilizzando i migliori avvocati italiani e di creare alleati di Scientology, il tutto con la ferrea intenzione che Marty ci confessò: il motto era

“NON CI SONO LIMITI DI SOLDI!!!”

Ed ecco che entra in campo il POTERE di David Miscavige: il suo impero miliardario proveniente unicamente dal sangue sudore e lacrime dei “fedeli” e dallo sfruttamento del lavoro dello staff ridotto in schiavitù, specie quello della Sea Organization! Quella frase doveva raggiungere tutti gli avvocati e Marty doveva fare in modo che tutti i futuri difensori ne captassero il senso compiuto.

L’avvocato Daria Pesce è testimone di questo visto che faceva parte della squadra dei 12 avvocati nominati dall’inviato speciale M. Rathbun e visto che tutt’ora rimane l’avvocato storico di scientology.

David Miscavige è molto conosciuto sul web, attraverso inconfutabili testimonianze, su come è LUI a dirigere le cause per poi vincerle SOLO attraverso sistemi simili a questo, basta anche ricordare un avvenimento che resterà negli annali di Scientology, come quello in cui “La Chiesa di Scientology insieme al suo leader David Miscavige, hanno addirittura corrotto il sistema giudiziario della Florida nel caso di Lisa Mc Pherson, così come aveva dichiarato lo stesso Marty Rathbun precedentemente in un’intervista essendone stato lui il protagonista!

Marty è stata la persona che si occupava esclusivamente di questo genere di affari, o per usare un termine più popolare, il suo compito è sempre stato quello di lavare i panni sporchi di Miscavige e lo ha fatto per più di venti anni; nello stesso tempo doveva fare in modo che “i suoi cadaveri” fossero ben chiusi negli armadi in modo che non potessero MAI uscire.

E così Marty, una volta in Italia, mise insieme questa eccellente squadra di avvocati:

Daria Pesce, Giovanni Leale, Alfredo Biondi, Fabrizio D’Agostini, Oreste Dominioni, Alessio Lanzi, Gaetano Insolera, Luigi Vanni, Sebastiano Scatà, Giuliano Spazzali, e poi Giuliano Pisapia, Raffaele Della Valle che hanno difeso imputati di Scientology al processo di Milano.

E a quanto sembra, l’input di Marty è stato compreso dagli avvocati i quali hanno iniziato l’assalto alla magistratura dove all’unanimità la difesa diventava « C’è un’intolleranza mostruosa contro la chiesa, noi ricorreremo in Cassazione contro la sentenza di condanna». 

A quanto pare i soldi hanno fatto accendere molte lampadine illuminando improvvisamente le menti degli avvocati con una “folgorazione sulla via di Damasco”.

Per cui la difesa immediatamente fu improntata e organizzata sul concetto dominante che “non si può processare una religione in quanto diversa da quelle ufficiali limitando in questo modo il diritto di professare liberamente la propria individuale fede religiosa tutelato dall’art. 19 della Costituzione”. Precedentemente veniva omesso di motivare adeguatamente circa la natura religiosa della Chiesa di Scientology.

Per cui nel 2000, dopo più di 12 anni si conclude il maxi processo super articolato di Scientology con la sentenza:

Scientology è una confessione religiosa le cui attività, senza eccezione, sono caratteristiche di tutti i movimenti religiosi.

Malgrado quindi il PG Oscar Pedrangolo avesse chiesto la conferma delle condanne, nella requisitoria e avesse cercato di prendere le distanze dalla questione religiosa affermando: “Non è certo la Cassazione la sede giusta per stabilire se Scientology è o no una religione o un’ impresa commerciale. I giudici devono invece stabilire se i reati commessi da alcuni degli adepti sono frutto di iniziative individuali o se invece sono il risultato di un dettato proveniente dall’ associazione”.

Obiettivamente non si può dar torto al PG Pedrangolo visto che è il Ministero degli Interni che concede la personalità giuridica civile come “culto ammesso nello Stato” ai sensi di legge, e non di sicuro la Cassazione.

Per cui:

“Il rinvio a giudizio di 74 imputati per ben 45 capi di imputazione per vari reati: truffa, violenza privata, estorsione, circonvenzione d’incapaci, abbandono di minori, maltrattamenti, associazione a delinquere, esercizio abusivo della professione medica, violazioni delle leggi sul lavoro, violazione valutaria.”

SI E’ MIRACOLOSAMENTE VOLATIZZATO NEL NULLA!

Concludendo, una domanda nasce spontanea: ha vinto la Giustizia o, come dicono i latini, ha vinto “Pecunia non olet”?

Comunque l’avvocato Daria Pesce da allora è rimasta fedelmente a rappresentare, difendere e proteggere David Miscavige e la sua pericolosa Setta nel territorio italiano a tutt’oggi non curante degli efferati abusi commessi con una escalation mai vista dal 1982. Tanto lei si sente protetta dal fatto che “Scientology è una confessione religiosa”, ma con l’avvento di internet e con le enormi ondate di testimonianze agghiaccianti apparse sul web, la “confessione religiosa” non è più una giustificazione nè un’attenuante in quanto le evidenze inconfutabili ci riconducono sempre e comunque ad una organizzazione totalmente settaria dai metodi mafiosi/terroristici!

Poi, per fare da cornice al tutto, sono stati scelti anche degli alleati di Scientology affinchè ne parlassero continuamente in modo eccellente, e chi meglio di questi se non il ben retribuito esperto Professore Massimo Introvigne del Censur che, come ci ha confessato Mike Rinder, un alto dirigente di Scientology per più di trenta anni: “State tranquilli, tutti gli “esperti” bagarini di Scientology sono pagati Massimo Introvigne del Censur, Gordon Melton, Brian Wilson e tanti, tanti altri. Io lo so, ho fatto io il programma originale per trovare “esperti religiosi” che scrivessero da “esperti” sull’argomento di Scientology. Ognuno di loro è stato pagato per il suo “lavoro”, anche se questo fatto non è stato reso pubblico”.

Visto cosa è capace di fare David Miscavige con il suo impero milionario? E come ho già accennato sopra, il suo impero lo hanno fatto persone come me e mio marito con il nostro sangue sudore e lacrime insieme a tutti gli altri scientologist dando cifre esorbitanti e lo hanno fatto gli staff della Sea Org con una paga di 25$ a settimana e con un orario lavorativo dalle 16/18 ore di lavoro al giorno per 365 giorni all’anno mangiando quasi esclusivamente riso e faglioli!

Renata Fruscella Lugli

Claudio Lugli con Marty Rathbun a Corpus Christi
La casa dei coniugi Rathbun a Corpus Christi dove siamo stati gentilmente ospitati